12.11.2012 Odissea di una pendolare: i soccorsi arrivano dopo mezz’ora

 

Ressa nel treno Varese-Treviglio

Uno dei tanti che devono subire i pendolari.

E stavolta a rischio ci sarebbe potuta essere anche la vita di un passeggero.

Cara redazione del Giornale.it,

vi scrivo per raccontarvi il mio terribile inizio di settimana, mio e di altre centinaia di pendolari che ogni mattina raggiungono Milano dai paesi limitrofi. Sul treno Trenord Varese–Treviglio delle 7.53, questa mattina poteva sembrare il “solito” viaggio in piedi da pendolare: tutti ammassati come sardine. Questa è, infatti, divenuta la normalità. Tanto che nessuno si pone neanche più il problema. Ogni mattina salgo e spero che questi 50 minuti di viaggio passino in fretta.

Questa mattina, però, oltre al disagio di viaggiare strizzati in mezzo ad altre decine di passeggeri, mi si è raggelato il sangue non appena ho sentito il grido: “C’è un medico a bordo?”. Una ragazza si è sentita male. Un malore, uno svenimento. Non si capisce subito la dinamica dell’accaduto. Il treno viene fermato alla stazione di Villapizzone e la ragazza viene immediatamente portata in braccio da altri pendolari su una panchina ghiacciata. Quindi, viene stesa a terra in attesa che arrivino i soccorsi. L’annuncio sul treno: “Stiamo aspettando i soccorsi…”.

Aspettiamo tutti con la ragazza. Ci stringiamo a lei nella speranza che non sia nulla di grave. “A breve arriverà un’ambulanza e poi ripartiremo”, ci diciamo per confortarci. Ma i soccorsi non arrivano. Passano 5 minuti. Poi 10. Le lancette dell’orologio scorrono veloci: il primo soccorso si vede dopo mezz’ora, una vita! O meglio: una vita persa se si fosse trattato di un arresto cardiaco.

E per oltre mezz’ora la linea è rimasta bloccata.

Alla fine scendiamo dal treno. Nella stazione di Villapizzone si ferma un altro treno. Si aprono le porte, ma nessuno riesce a salire. Non c’è posto neanche per la borsa di un pendolare, anche su questo convoglio sono tutti ammassati nei corridoi e nell’atrio. Rinunciamo e risaliamo sul primo treno. Finalmente ripartiamo. Dopo “soli” 40 minuti.

Ma che razza di sistema ferroviario è il nostro? E i soccorsi? Perché chiedere un viaggio “umano”, magari addirittura seduti? In fondo l’abbonamento mensile costa la bellezza di 76,50 euro per percorrere 30 km… e vogliamo pretendere di arrivare anche in orario? O essere soccorsi in meno di 30 minuti? Sarebbe chiedere davvero troppo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci la tua mail per seguire il blog e ricevere le notifiche dei nuovi post.

    Segui assieme ad altri 3 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: