07.08.2012 SANITÀ: AL VIA CORSO BLSD SU DEFIBRILLAZIONE ELETTRICA PRECOCE DI COMUNITA’

DOMANI A TORREBRUNA INTERVERRANNO ZUCCATELLI E MURAGLIA (REGFLASH) Pescara, 7 ago. La defibrillazione elettrica precoce di comunità è il tema di un corso BLSD (Supporto di Base Vitale – Defibrillazione) in programma domani, mercoledì 8, a Torrebruna, in provincia di Chieti. Intorno alle ore 12, al termine del corso, sarà presemtato alla cittadinanza il progetto “Questione di Cuore”, promosso dalle Associazioni di Volontariato del Comune di Torrebruna. La Regione sarà presente all’incontro con il Commissario Straordinario dell’Agenzia Sanitaria Regionale (ASR), Angelo Muraglia, e con il Subcommissario ad acta per la sanità, Giuseppe Zuccatelli. L’obiettivo fondamentale è quello della diffusione della defibrillazione elettrica precoce, con l’utilizzo di un defibrillatore semiautomatico da parte di personale non sanitario, come tappa fondamentale per la riduzione della mortalità da arresto cardiaco improvviso. Le ragioni che hanno spinto le Associazioni a proporre questo progetto si riassumono in alcuni punti chiave: la morte cardiaca improvvisa è un evento che si verifica con un’incidenza tutt’altro che trascurabile (circa 60.000 casi l’anno in Italia con una media di un caso ogni 1000 abitanti all’anno); la morte cardiaca improvvisa è suscettibile di terapia efficace e definitiva mediante defibrillazione elettrica, a condizione che venga erogata entro i primi quattro-sei minuti successivi all’arresto della funzione di pompa del cuore (i dieci minuti d’oro); il sistema di emergenza sanitaria, per quanto organizzato e diffuso sul territorio, non può materialmente raggiungere entro pochi minuti tutte le persone colpite da arresto cardiaco improvviso; la tecnologia consente oggi, tramite i defibrillatori semiautomatici, di mettere a disposizione di personale “non sanitario” veri e propri strumenti salvavita, così da abbreviare significativamente i tempi di trattamento di un arresto cardiaco e di incrementare grandemente le probabilità di sopravvivenza; la Legge del 14 aprile 2001 e succ. sull’utilizzo dei defibrillatori in ambito extraospedaliero, ha definitivamente dato il via a queste pratiche, sancendo una situazione che di fatto alcune realtà avevano già organizzato e consentendo di avviare progetti di reale diffusione della defibrillazione al mondo non sanitario; in alcune aree di Scandinavia, USA, Australia grazie alla realizzazione della “catena della sopravvivenza” la percentuale di sopravvivenza tocca il 45% contro il 2% italiano. L’obiettivo sanitario ed anche sociale del progetto, è aumentare il senso di solidarietà e sicurezza della comunità attraverso la riduzione sia della mortalità, sia dei danni provocati da una terapia poco efficace soprattutto perché non immediatamente disponibile. Il progetto mira ad addestrare alla defibrillazione precoce il più alto numero di persone possibile con il supporto delle organizzazioni di volontariato ma anche di altri settori del tessuto socio-sanitario.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci la tua mail per seguire il blog e ricevere le notifiche dei nuovi post.

    Segui assieme ad altri 3 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: