08.06.2012 Mamma coraggio salva il figlio da un arresto cardiaco, aiutata al telefono dal 118

 

Ora il piccolo Andry aspetta un cuore nuovo

Madre esperta e preparata salva il figlio da un arresto cardiaco, seguendo le istruzioni fornite dalla centrale 118.
L’episodio in città. Il piccolo ora è a Bologna in attesa di un trapianto. I concitati minuti prima dell’arrivo dei sanitari

 

Soccorsi del 118 (Castellani)

Soccorsi del 118 (Castellani)

Arezzo, 8 giugno 2012  – Quando dice male, dice male e piove sempre sul bagnato, ma un buon ombrello può aiutare a non bagnarsi. Un giro di parole per dare una cornice alla notizia che interessa Andry, un bambino di 11 anni di Arezzo, della cui storia le cronache si sono occupate a febbraio.

Una storia, una bellissima storia a lieto fine, di quelle che fanno accapponare la pelle. Un lieto fine raggiunto grazie al coraggio e alla preparazione di una mamma, che non si è piegata alla malattia del figlio, ma ha lottato e imparato l’uso del solo attrezzo che avrebbe potuto salvare la vita al piccolo: il defibrillatore.

LA STORIA Ma partiamo dall’inizio. Mentre era in auto con la mamma ebbe un arresto cardiaco. Il 118 intervenne rapidamente e prima ancora di portarlo in ospedale fu intubato, ridando ossigeno ai polmoni, manovra che gli salvò la vita. Venne defibrillato, ricoverato in rianimazione dove, dopo un consulto con medici di Bologna (del centro di cardiochirurgia del Sant’Orsola) che avevano già in cura il piccolo, fu deciso di sottoporlo ad trattamento di ipotermia, con l’abbassamento della temperatura corporea. Pratica piuttosto rara per i bambini.

24 ore di monitoraggio e fu accertato che nessun danno neurologico si era verificato, consentendo così il trasferimento a Bologna. I cardiochirurghi emiliani, in attesa, quando sarà possibile, di eseguire un trapianto di cuore, gli hanno quindi istallato un defibrillatore pediatrico interno, che automaticamente entra in funzione in presenza di un ulteriore arresto cardiaco.

Due giorni fa Andry, di pomeriggio mentre guardava la tv nel suo appartamento nel centro storico di Arezzo, d’improvviso ha reclinato la testa, perdendo conoscenza. La madre, nel comprensibile spavento, ha chiamato il 118. Medico ed infermiere in tre minuti d’orologio erano dal paziente, trovandoci già una ambulanza Blsd con i volontari, giunta dopo appena due minuti dalla chiamata.

Ma, (ed ecco “l’ombrello”) proprio per le condizioni del piccolo, la madre e la nonna erano state comunque “formate” per gestire un evento avverso come quello che era giunto.

Dopo la prima concitata chiamata al 118, la rassicurazione immediata da parte dell’infermiera, l’automedica dopo pochi secondi era già in strada, la madre si è calmata ed ha ascoltato tutti i consigli che gli arrivavano dalla centrale.

Ha iniziato un massaggio cardiaco. L’infermiera ha riconosciuto, al telefono, la voce che in automatico scatta quando viene acceso un defibrillatore ordinario. Quello che la donna aveva in casa e che aveva attivato senza ancora utilizzarlo. A quel punto le è stato chiesto di scoprire il petto del piccolo e posizionare le piastre (intanto era arrivata anche la nonna, che aiutava a mantenere la calma). Il defibrillatore (programmato con una bassa potenza, adatta ad un bambino), non entrava però in funzione perchè al momento della scarica, si riattivava il defibrillatore interno del bambino, insufficiente però a far ripartire il cuore.

Così si è proseguito con il massaggio cardiaco. I volontari della Blsd, giunti (come detto) dopo due minuti dalla chiamata, hanno affiancato la madre. Al terzo minuto sono giunti il medico e l’infermiere del 118 che avendo nel frattempo avuto gli aggiornamento dalla centrale, hanno valutato che la quantità di scarica non era sufficiente, passando così ad una “scossa” da adulti.

Il cuore è ripartito e a quel punto c’è stato il trasferimento immediato e diretto nella unità coronarica del San Donato dove erano ad attenderlo gli specialisti. 24 ore di ricovero, per accertare che la situazione forse stabilizzata, poi il trasferimento al Sant’Orsola di Bologna

Mentre tutta la Asl fa il tifo per Andry, nella speranza che possa prima possibile risolvere definitivamente i problemi del suo cuore, con uno nuovo, c’è da sottolineare che l’intervento del 118 e dei volontari, è stato tempestivo che di più non si poteva. Ma forse anche questa rapidità sarebbe stata vana se la mamma e la nonna di Andry non fossero state preparare ad un evento di questa natura e se, pur nella consapevole concitazione del momento, non avessero seguito i consigli che la centrale 118 stata fornendo in attesa dell’arrivo dei sanitari.

Una ulteriore dimostrazione che una conoscenza di base, anche minima, sulle cose semplici ma fondamentali da fare in presenza di un arresto cardiaco, possono davvero salvare la vita.

Il 118 non può oggettivamente essere presente ovunque nei tempi che un cuore fermo richiede. Ricordiamolo, sono solo pochi minuti quelli a disposizione per evitare danni neurologici permanenti o addirittura la morte. Defibrillatori semiautomatici e un corso di prima intervento da parte della maggior parte possibile di cittadini da eseguire in presenza di una persona colpita da un arresto cardiaco, sono l’unica vera possibilità di ridurre quanto più possibile i danni di questa patologia che ogni anno provoca in Italia 60.000 morti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci la tua mail per seguire il blog e ricevere le notifiche dei nuovi post.

    Segui assieme ad altri 3 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: