28.05.2012 Il Convitto da oggi ha un suo defibrillatore

La prossima raccolta fondi per posizionarlo anche in Piazza San Francesco

Protagonisti assoluti sono stati i bambini delle elementari e delle medie, che hanno raccolto quasi 1500 euro a suon di caramelle dei Monaci Camaldolesi, Piantine aromatiche e ciondolini, il loro regalo per la Festa della Mamma è stato doppio

un defibrillatore

un defibrillatore

Arezzo, 28 maggio 2012 – “Ad Arezzo c’è il caso di un bimbo che attende il trapianto, che è vivo perché è stato defibrillato in tempo e che in attesa dell’operazione ha sempre con sé questo salvavita, lo sanno usare i suoi genitori, le insegnanti, perfino chi gli fa catechismo.”

E’ con questa emozionante storia che Massimo Mandò, Responsabile del 118 della ASL 8 di Arezzo da il senso dell’importanza di dotare ogni scuola e ogni luogo di massa di un defibrillatore. Da oggi da questo punto di vista anche il Convitto Nazionale di Arezzo è all’avanguardia. Il defibrillatore automatico è pronto per essere usato in caso di necessità e alcune persone sono state preparate per questo: “Speriamo non ci sia mai bisogno di farlo – ha aggiunto il dirigente dell’istituto Luciano Tagliaferri – ma sia io che altri insegnanti abbiamo frequentato il corso di formazione per l’uso di questo strumento.”

Nella campagna per l’acquisto protagonisti assoluti sono stati i bambini delle elementari e delle medie, che hanno raccolto quasi 1500 euro a suon di caramelle dei Monaci Camaldolesi, Piantine aromatiche e ciondolini, il loro regalo per la Festa della Mamma è stato doppio. Ma non finisce qui. “Passo dopo passo vogliamo rendere più sicura tutta la comunità – ha sottolineato Piero Iacomoni Vicepresidente della Fondazione Monnalisa Onlus – per questo lanciamo oggi una nuova raccolta fondi tramite le t-shirt con le stampe dei disegni realizzati dai ragazzi del liceo artistico. Tramite la loro vendita si riuscirà a coprire il costo per un altro defibrillatore che vorremmo posizionare in Piazza San Francesco, coinvolgendo nella raccolta, nell’organizzazione e nella formazione tutti gli esercenti e gli abitanti della zona.”

“Le morti per arresto cardiocircolatorio hanno destato molto scalpore perché hanno colpito nel mondo dello sport ed i più giovani anche ad Arezzo, per questo è così importante avere questo strumento a portata di mano e saperlo usare – ha concluso Luigi Vignaroli Presidente della Fondazione Cesalpino – abbiamo a cuore il cuore della nostra comunità e stiamo riuscendo a portare avanti questa cultura della sicurezza anche nell’emergenza grazie alla rete di soggetti coesa intorno allo stesso obiettivo.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci la tua mail per seguire il blog e ricevere le notifiche dei nuovi post.

    Segui assieme ad altri 3 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: