12.10.2011 Colpito da infarto: sbanda con l’auto e muore

Ottana, la vittima, 48 anni, originario di Fonni, stava tornando a Simaxis dove a casa lo aspettavano la moglie e i figli di 8 e 12 anni

Colpito da infarto: sbanda con lauto e muore

OTTANA. La Toyota Avensis grigia ha sbandato in un rettilineo, senza alcuna apparente ragione. Gli automobilisti che le stavano dietro, lungo la Ottana-Abbasanta, l’hanno vista proseguire il percorso in cunetta, e concludere la corsa in un macchione di rovi. Si sono fermati per capire, se necessario soccorrere chi si trovava nell’abitacolo. Ma quando sono scesi dall’auto, per Paolo Mattu, 48 anni, di Simaxis, non c’era più nulla da fare.

Una tragedia consumata nel breve volgere di pochi secondi, un incidente provocato dal malore che ha attanagliato Paolo Mattu, mentre stava rientrando a Simaxis dove lo aspettavano la moglie e i suoi due figli, uno di otto e l’altro di dodici anni. Mattu, famiglia originaria di Fonni, una delle tante del Nuorese il cui capofamiglia pastore conduceva il bestiame per la transumanza in Campidano, per poi stabilirvisi, lavorava nel settore del movimento terra. Ieri sera, il punto preciso è il chilometro 22,500 della Statale 131 Diramazione centrale nuorese, vale a dire quattro chilometri oltre Ottana in direzione Abbasanta, Mattu ha cessato di vivere forse senza nemmeno accorgersi di quanto stava accadendo, o magari ha percepito il malore giusto il tempo di provare ad accostarsi, perdendo poi però il controllo della macchina.

Gli automobilisti che hanno assistito alla sua uscita di strada, drammatico ralenty di una tragedia che si era già consumata, hanno avvisato il 118. L’allarme è rimbalzato ai volontari Ottana e al distaccamento della Polizia stradale il cui comandante, sovrintendente Piet

ro Meloni, è arrivato assieme all’altra autoambulanza del 118 di Ghilarza, la medicalizzata. La dottoressa Anna Rita Saba e i suoi collaboratori hanno cercato in tutti i modi di rianimare Paolo Mattu, ma ormai erano tentativi di riportare indietro chi non c’era già più. Anche l’utilizzo del defibrillatore non ha potuto fare nulla. E così i soccorritori hanno dovuto constatare la morte di un uomo ancora giovane, con tutta probabilità stroncato da un infarto che lo ha colto per strada, per una di quelle coincidenze che sono sempre in agguato nella vita di tutti.

Non è rimasto altro da fare, al di là dei rilievi di legge. Il sostituto procuratore della Repubblica di Nuoro Andrea Vacca ha disposto il trasferimento del corpo alla camera mortuaria dell’ospedale San Francesco, ma non ha ritenuto opportuno disporre l’autopsia in un caso dove le circostanze non lasciano spazio ai dubbi. Nel frattempo la Stradale di Oristano ha avvisato la famiglia. Due fratelli di Paolo Mattu hanno a Simaxis un biscottificio ben avviato e noto per la produzione dei mostaccioli. Un altro ha mantenuto il bestiame. Una famiglia conosciuta e stimata. Ieri il filo del dolore univa le comunità di Fonni e del paese di adozione.

Fonte: LA NUOVA SARDEGNA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci la tua mail per seguire il blog e ricevere le notifiche dei nuovi post.

    Segui assieme ad altri 3 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: