04.04.2011 E’ morto Marcello Gnemmi

L’avvocato velista aveva 59 anni. Infarto fatale nella casa in campagna

Ancona Le toghe anconetane sono in lutto. E’ morto Marcello Gnemmi, stimato e conosciuto avvocato, specializzato in diritto civile e amministrativo. Gnemmi, senigalliese di nascita, aveva 59 anni, gli è stato fatale un malore che è piombato all’improvviso spegnendo la luce a lui e alle persone che lo apprezzavano e gli volevano bene. La fine ha atteso il professionista senza aver dato nessun segnale e proprio in una parentesi di relax. Marcello Gnemmi stava trascorrendo un weekend nella sua casa di campagna a Monteroberto, nelle colline verdeggianti della Vallesina. Un’oasi per rifiatare dall’attività sempre frenetica e convulsa tra codici e udienze. Proprio ieri la tragedia lo aspettava giusto fuori casa. Era in piedi: una fitta al petto, è crollato al suolo senza più riprendersi. E’ successo verso le due di ieri pomeriggio. La notizia si è diffusa nelle ore successiva in un tam tam funebre tra conoscenti e colleghi di Gnemmi suscitando sconcerto e sgomento. “Non c’è stata nessuna avvisaglia, è capitato tutto così all’improvviso”. Ieri sera aveva un filo di voce ed ancora sotto choc suo fratello Paolo, che lavora nello studio Boscarato. Marcello aveva invece uno studio proprio.

Il ricordo del presidente

Lo piange il presidente dell’ordine degli avvocati Maurizio Barbieri. “Mi dispiace tantissimo, come amico prima ancora che come collega. Marcello è stato nel Consiglio dell’ordine, siamo stati insieme nel Lions Ancona Host, ci vedevamo spesso”. Continua Barbieri. “Un collega bravo, serio e semper disponibile, uno giusto. Marcello era un avvocato con la “a” maiuscola. Quando era il momento di dare una mano lui c’era sempre”. Conclude commosso. “Marcello è uno di quelli che è un peccato che non ci siano più”. I codici peraltro non lo occupavano solo in veste di legale di parte. Gnemmi era anche uno dei componenti della commissione tributaria regionale, l’organo che si occupa di discutere i ricorsi sollevati dopo gli accertamenti dell’Agenzia delle Entrate. Un organo molto delicato. Tale era l’affidabilità che garantiva in questa direzione che aveva anche degli incarichi a livello nazionale.

In lutto anche i velisti

Schivo e amante del buon silenzio, Marcello Gnemmi amava ristorarsi in mare insieme agli affetti più cari. La vacanza estiva sulle coste frastagliate della Croazia, il weekend alla Marina portando fuori il suo Feral con cui si misurava raramente nelle regate. Al massimo poteva andare (e ci è andato) alla Barcolana: per un velista la stracittadina marinara di Trieste è irrinunciabile. Meglio il gusto di timonare libero, fermarsi nel posto giusto, l’ancora, il riposo. Il mare non ha bisogno di tante parole. Uno dei suoi sogni era quello di poter attraversare l’Atlantico in barca. Magari non il Feral, ovviamente.

La passione per la moto

Marcello era uno spirito giovane, ancor più giovane, da quando aveva scoperto, in età adulta, la passione per la moto da strada. Il motore che ti porta, le due ruote, il senso di libertà allo stato gassoso. “Mi piacerebbe andarci a Capo Nord, un giorno” aveva confessato. Niente da fare per il circolo polare artico e la Norvegia. Niente più moto. “Era buonissimo e disponibile” aggiungono le persone che lo conoscevano nell’intimità per completare un quadro che è andato in mille pezzi da un momento all’altro. Marcello aveva avuto qualche problema al cuore quache tempo fa ma si sottoponeva a controlli e visite periodiche. Nulla, davvero nulla, poteva far pensare a tutto questo. I funerali si dovrebbero tenere domani pomeriggio, oggi se ne saprà di più.

Fonte: CORRIERE ADRIATICO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci la tua mail per seguire il blog e ricevere le notifiche dei nuovi post.

    Segui assieme ad altri 4 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: