07.09.2010 Tennista ventenne stroncato da un malore

La tragedia in provincia di Parma: Mattia Govoni (che abitava a Dosso di Sant’Agostino e
giocava per il Tennis Decima) aveva vinto un incontro regionale, poi si è sentito male. Non
c’è stato nulla da fare.

Ferrara, 7 settembre 2010 – Mattia Govoni è morto a vent’anni. Dopo aver vinto la sua ultima
partita di tennis. Si è accasciato a terra sul bordo dei campi del Club President di Montechiarugolo,
in provincia di Parma, domenica, verso mezzogiorno. Un’ora dopo l’ultimo match point. Mentre
stava disputando il campionato regionale, con la casacca dell’associazione tennis Decima di
Bologna. Aveva appena chiamato casa: “Ho vinto, adesso aspetto di giocare il prossimo match”.
Un’esplosione di gioia. Poi la tragedia.
Perché quel “ragazzo d’oro”, come tutti lo ricordano, originario di Sant’Agostino, era una
promessa del tennis. Due titoli regionali under 18 consecutivi. Questa, la sua stagione migliore. Mai
una classifica così alta.
“Subito sembrava un attacco epilettico, ma non aveva polso”, racconta sconvolto Mario De Blasi, il
cardiologo socio del club (e presidente del consiglio provinciale di Parma), che l’ha soccorso
immediatamente appena è caduto.
“Abbiamo cominciato col massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca – continua il
medico -. È stato usato anche il defibrillatore che era presente sui campi. Ma nulla è servito. Non
c’è stata reazione. Dopo 10-15 minuti sono arrivati automedica, ambulanza ed elisoccorso. È stato
sottoposto a trattamenti coi farmaci, il battito non era stabile. Per questo si è optato per il trasporto
in ambulanza, invece che con l’elicottero. Bisognava tenerlo sotto controllo dal punto di vista
farmacologico”.
Ma Mattia non ce l’ha fatta. Il suo corpo si trova ora all’obitorio dell’ospedale Maggiore di
Parma. In attesa dell’autopsia e del rientro a casa. Un anno e mezzo fa aveva dovuto sospendere
l’attività agonistica per sei mesi, perché gli era stata riscontrata un’aritmia. Ma oggi tutti gli esami
erano in regola. A maggio gli ultimi due eco-cardio non avevano riscontrato problemi.
Aveva appena terminato, in pari, il primo anno di scienze motorie all’università di Ferrara. Lascia
il padre Maurizio, dirigente del Tennis Club di Sant’Agostino, la mamma e un fratellino. “L’ultimo dritto vincente ti porta sui campi elisi, Mattia – lo piangono gli amici su Facebook -. Perché eri un
eroe della racchetta. Il tuo sorriso non lo dimenticheremo mai”.

Fonte: IL RESTO DEL CARLINO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci la tua mail per seguire il blog e ricevere le notifiche dei nuovi post.

    Segui assieme ad altri 3 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: